OVCI è presente dal 2000 nella regione di Rabat-Salé-Zemmour-Zaer (nord del Marocco), ora chiamata Rabat – Salé Kenitra.

L'Organismo è stato chiamato per svolgere una consulenza all'orfanotrofio "Lalla Meriem", per la sua esperienza nel campo della disabilità.

Le condizioni di vita dei bambini con disabilità in Marocco sono e restano gravi: l'abbandono e l'esclusione dei bambini dalla vita familiare, professionale e sociale sono ancor oggi una drammatica realtà.

OVCI si pone l'obiettivo di rompere la condizione di isolamento alla quale questi bambini sono molto spesso obbligati (per paura, ignoranza o per mancanza di servizi), oltre a dare loro la possibilità di essere seguiti nella crescita, nell'educazione e nella costruzione di competenze. Presupposti fondamentali per diventare adulti integrati nella società locale.

Dal 2003 al 2006 OVCI, in partenariato con l'Associazione Amici dei Bambini e con la Lega Marocchina per l'Infanzia Abbandonata, comitato di Rabat-Salé (controparte locale), ha implementato un progetto che aveva i seguenti obiettivi:

- migliorare la qualità di vita, favorendo l'integrazione sociale dei bambini disabili;

- prevenire l'abbandono, grazie alla creazione di servizi riabilitativi sul territorio.

In questo triennio, i servizi medico-riabilitativi attivati hanno preso in carico 352 bambini.

Da questa importante esperienza, alcuni genitori dei bambini con disabilità seguiti da OVCI, iniziano ad interrogarsi su come associarsi per avere un peso maggiore nella società marocchina e dare un contributo diretto all'educazione dei bambini con disabilità. Parte una riflessione e un confronto con due entità italiane, l'Associazione Genitori della Nostra Famiglia e il Consiglio Nazionale sulla Disabilità. Il 30 marzo 2006 nasce l'Associazione Genitori "Casa Lahnina" (casa della Tenerezza) che si propone di lottare per l'inclusione dei loro bambini nella vita sociale del Paese.

Il lavoro di OVCI è continuato dal 2007 al 2009 in collaborazione con l’Associazione Genitori Casa Lahnina ed il Ministero dell’Educazione del Marocco, per:

  • facilitare l’inclusione scolastica di bambini con disabilità, attraverso la formazione di insegnanti di scuola speciale
  • mettere in condizione l’Associazione “Casa Lahnina” di attivare ed implementare due esperienze pilota:
    • aprire il primo Centro Socio-Educativo (CSE) di tutto il Marocco, per soggetti con grave disabilità
    • realizzare una Classe Speciale pilota (CLIS) per bambini con disabilità medio-lieve.

Marocco - impegno educativo

Infine, dal 2011 al 2013, grazie a un co-finanziamento dell’Unione Europea, è stato attivato lo sportello di orientamento SAFIR, rivolto ai genitori di bambini disabili di Temara, gestito dall’Associazione “Casa Lahnina”, all’interno dell’istituto scolastico “Zerara”. Il progetto ha preso in carico, ad oggi, più di 200 famiglie di persone con disabilità.

Marocco - impegno riabilitativo

IL PROGETTO DI SVILUPPO INCLUSIVO SU BASE COMUNITARIA

Il 1 giugno 2015 è stato avviato un progetto annuale, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia con l’obiettivo di raggiungere il territorio locale – capitalizzando le esperienze passate – attraverso visite domiciliari ai bambini con disabilità realizzate da promotori SIBC.

L’approccio globale alla persona disabile, fatto proprio da OVCI e da La Nostra Famiglia, non può prescindere dal modello dello “Sviluppo Inclusivo su Base Comunitaria” (SIBC), riconosciuto a livello internazionale per fornire, a costo sostenibile, servizi riabilitativi agli strati più poveri della popolazione. A causa dell’esperienza fallimentare di alcuni macro programmi governativi, la SIBC non ha avuto ad oggi un’adeguata diffusione sul territorio Nazionale marocchino.

Per questo motivo, OVCI ha iniziato un programma su scala circoscritta, nella Municipalità periferica di Ain Al Aouda, a circa 30 km da Rabat, Provincia di Temara con l’obiettivo di ripresentare al Governo Marocchino un modello di SIBC che sia realmente efficace, perché parte “dal basso”, sfruttando le risorse già disponibili all’interno della comunità.

Sono stati coinvolti 9 giovani promotori locali formati dal progetto e impegnati nelle visite domiciliari nei quartieri di Ain Al Aouda, nonché in due Orfanotrofi “Lalla Meriem” di Rabat e “Le Nid” di Meknes. In quasi due anni di progetto sono stati raggiunti 314 bambini e giovani con disabilità.

Sono stati realizzati diversi incontri di orientamento con le famiglie, oltre a momenti di sensibilizzazione sul territorio sui diritti delle persone con disabilità.

Il programma di SIBC ha aperto diverse prospettive interessanti in termini di rete, poiché:

  • è parte della Rete Nazionale RBC Marocco, rete che é nata dalle diverse esperienze che sono state attuate nel Paese e che ha lo scopo di rafforzare la presenza del programma.
  • è parte del progetto di Ai.Bi (in cui OVCI è partner), co-Finanziato dal Ministero degli Affari Esteri Italiano, dal titolo: “Tous autour de l’enfance: Servizi di prevenzione e tutela a favore delle madri nubili, dei minori senza protezione famigliare e dei minori con disabilità in Marocco”, che unisce in rete diverse esperienze pilota nella provincia di Rabat, Grand Casablanca, Tanger-Tetouan, Fès-Boulemane e Meknès-Tafilalet.
  • è in rete con diverse altre realtà del Marocco, tramite il Progetto Europeo, in cui OVCI è partner, dal titolo: “Democrazia partecipativa al servizio di un efficace riconoscimento dei diritti delle persone con disabilità nella Regione Rabat”. Si tratta di un progetto di 3 anni co-finanziato dalla Delegazione Europea in Marocco, a cui OVCI ha partecipato alla stesura, alla presentazione, e di cui é partner insieme alle due Associazioni marocchine AMSAT e Club du Handicapé – Association Bouregreg.

Il primo dicembre 2017 è stato avviato il progetto annuale “I.N.C.L.U.S.I.O.N.E.: Inserimento Nella Comunità Locale, tramite Un Servizio Integrato e Olistico, che risponda alle Necessità e alle Esigenze speciali del bambino con disabilità”, finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia ed è terminato il 30 gennaio 2019. Le attività sono riprese il 1° aprile 2019 grazie a un finanziamento dell’Associazione spagnola Manos Unidas e prevede la continuazione delle prestazioni offerte dal Servizio Integrato: Fisioterapia, Logopedia, Educazione Speciale, Prescrizione Produzione di Semplici Ausili Ortopedici, Riabilitazione su Base Comunitaria ad Ain Aouda, Temara e presso l’orfanatrofio Le Nid di Meknes.

Marocco - impegno SIBC

Impegno Festival Handifilm

Manifestazione cinematografica che OVCI sostiene e accompagna fin dalla sua nascita, nel 2007. Unico nel suo genere in tutto il continente africano, e con pochi eguali nel resto del mondo, Handifilm, attraverso i film che presenta, si propone di cambiare lo sguardo sulla disabilità.

Marocco - impegno sensibilizzazione

 

con noi... PER TUTTI I BAMBINI DEL MONDO

DIVENTA VOLONTARIO

FAI UNA DONAZIONE

IL TUO 5x1000 PER OVCI

COLLABORA CON NOI

 


 OVCI la Nostra Famiglia
via don Luigi Monza 1 - 22037 Ponte Lambro (CO)
tel 031-625311   -    mail info@ovci.org   -   C.F. 91001170132